Home / Manutenzione Low Cost / Battendo battendo, colpendo colpendo, e la carrozzeria torna come nuova
carrozzeria

Battendo battendo, colpendo colpendo, e la carrozzeria torna come nuova

Per chi ama una carrozzeria sempre perfetta e impeccabile, le piccole ammaccature possono risultare antiestetiche e alla lunga possono provocare grossi problemi (ruggine su tutti), costosi da riparare. Ma se si vuole riparare fai da te la carrozzeria del proprio veicolo, come bisogna fare? Ve lo spieghiamo noi.
I Materiali:

Prima di iniziare il lavoro, bisogna procurarsi i seguenti materiali: tela di smeriglio a grana doppia e sottile, pennelli, antiruggine, pasta abrasiva per auto, un trapano elettrico con calotta di peluche, un martello pesante, dei pezzi di legno di piccole dimensioni ma spessi e ovviamente la vernice originale dell’auto. Quest’ultima è facilissima da procurare in quanto è sufficiente aprire il cofano ed individuare il codice colore che in genere è posizionato all’interno di esso. Si tratta di una serie di numeri e lettere che vanno consegnati ad un colorificio che con il computer è in grado di fornirci la gamma di colori e le sfumature di cui la vernice è composta. Con tutti i materiali a disposizione l’automobile può essere sottoposta alla riparazione dell’ammaccatura.
La Lavorazione:

Iniziando l’intervento di riparazione delle ammaccature della carrozzeria dell’auto, per prima cosa provvediamo a lavarla ed asciugarla per intero. Supponiamo che l’ammaccatura si trovi in corrispondenza di una delle quattro ruote (per esempio nel passaruota), allora per poter lavorare con comodità conviene smontarla e sorreggere l’auto con un supporto piano e resistente per metterla in sicurezza e per evitare incidenti personali. L’ideale sarebbe un tronco di legno largo e piano, ma anche altre soluzioni sono buone purchè garantiscano stabilità. Dopo questa doverosa premessa iniziamo la riparazione dell’ammaccatura, battendo dall’interno con un pezzo di legno e il martello pesante. In questo modo si riesce a far ritornare in sede il tratto di carrozzeria interessato. Dopo aver espletata la funzione del “batti lamiera” continuiamo con l’operazione di sverniciatura della zona di lamiera recuperata; infatti avendo battuto energicamente la parte per farla fuoriuscire, di conseguenza la vernice diventa come cristallizzata e si sbriciola. Per evitare il formarsi della ruggine ecco che si interviene con una tecnica ben precisa. Innanzitutto si sgrossa la parte con la tela di smeriglio a grana doppia portando alla luce lo strato di carrozzeria di un colore biancastro che rappresenta il suo stato naturale. A questo punto, con la tela di smeriglio sottile e aiutandosi di tanto in tanto con un po’ di acqua, si leviga perfettamente la superficie facendola diventare lucida e setosa.
La Finale:

A questo punto la riparazione dell’ammaccatura è a buon punto ma occorrono alcuni passi prima di procedere alla fase di ultimazione; infatti per prima cosa ci occupiamo di colorare le parti con dell’antiruggine che va applicata con un pennello di buona qualità e che non rilascia peli durante l’uso. Dopo aver atteso l’essiccazione (occorrono poche ore se si usano prodotti acrilici) si procede con l’applicazione della vernice originale dell’autovettura utilizzando un pennello nuovo. Una volta essiccata la prima mano di vernice si passa alla seconda e si lascia anche stavolta asciugare; poi con la pasta abrasiva ed ovatta si comincia a strofinare energicamente sulla zona interessata dalla riparazione e dalla verniciatura e si eliminano i naturali granuli che le vernici quando si essiccano tendono a rilasciare. A questo punto siamo giunti alla fase di finitura che prevede una mano di cera per auto per ottenere la lucentezza in tono con il resto della carrozzeria che tuttavia conviene lucidare per intero con la stessa cera, utilizzando poi il trapano con la cuffia di peluche per ottenere nuovamente la nostra automobile come appena uscita da un’autocarrozzeria.

Se volete evitare di andare dal carrozziere e pensate, dopo aver letto i nostri consigli, di potervi risolvere da soli, non possiamo che auguravi di armarvi di santa pazienza, tanta buona volontà e buon lavoro.
Bruno Allevi

Check Also

carburanti

Benzina, Diesel, GPL, Metano? Questo è il dilemma!!!

Molti davanti l’acquisto di un’auto, nuova o usata che sia, si saranno posti questa domanda: …

catene

Se ha iniziato a nevicare e in montagna vuoi andare, le catene devi montare

Quando arriva l’inverno il pericolo delle nevicate è sempre dietro l’angolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *